1 commenti web marketing

Google ha introdotto il "Plus One" anche detto +1 button. La "filosofia" che si nasconde dietro a questo nuovo strumento è descritto nella pagina ufficiale: "A volte è più facile trovare esattamente ciò che stai cercando se qualcuno che conosci lo ha già trovato".

 

In pratica all'interno delle SERP di Google, oltre ai normali risultati, verranno aggiunti anche quelle pagine per le quali i tuoi contatti hanno espresso il +1: "I tuoi +1 possono aiutare i tuoi amici, i tuoi contatti e altre persone sul Web a trovare le cose migliori mentre stanno facendo una ricerca".

 

Ecco di seguito il video di presentazione della nuova funzionalità pubblicato sul sul canale Youtube di Goolge:

 

Integrazione del Google +1 nei propri siti web

L'integrazione è molto semplice: viene fornita una pagina per generare automaticamente il codice da includere e vi è un'ampia documentazione (in lingua italiana).

 

Basterà inserire il codice javascript:

<script type="text/javascript" src="http://apis.google.com/js/plusone.js"></script>

 

mentre nel punto in cui si vorrà far comparire il bottone:

<g:plusone></g:plusone>

 

Una piccola annotazione che voglio fare riguarda il parametro href del tag +1 attraverso il quale potremo indicare l'URL al quale il bottone è associato (di default è la pagina corrente): questo è particolarmente utile nel caso in cui all'interno di pagine che presentano più di un bottoni, ognuno dei quali riferito ad una pagina linkata (l'home page di un blog). In questo avremo pertanto:

<g:plusone href="http://www.miniscript.it"></g:plusone>

 

Google copia Facebook

Le analogie con il "like button" di facebook si sprecano e i pareri non sono in generale positivi.  Ma cosa avrà di diverso da farlo preferire? Al momento io vedo delle differenze soprattutto in negativo.

 

Alcuni affermano che potrebbe dare vantaggi sul posizionamento nelle SERP: su questo aspetto tenderei ad essere scettico o, se non altro, molto pessimista; infatti gli abusi che ne deriverebbero volti a falsare le preferenze sono pressochè certi. Basti pensare quanto già accade sulla compraventita dei link.

 

L'unica certezza è incidenza sulle SERP "personali", cioè basate sulle preferenze espresse dai propri contatti. A questo punto l'utilità dello strumento sarà strettamente associata alla "qualità" dei nostri contatti con il rischio di ritrovarsi la SERP inquinanata da risultati consigliati dai contatti ma magari poco attinenti con la nostra ricerca.

 

Ma il vero limite, secondo la mia personale opinione, è che Google, così come accaduto con Buzz, è arrivato troppo tardi: gli strumenti utilizzati dagli utenti "medi" del web per condividere e "socializzare" informazioni e contenuti sono altri e sarà difficile modificarli.

 

Per romprere schemi consolidati e comportamenti di routine occorrereberò novità di maggiore portata che diano all'utenza nuove utilità e interazioni, cioè un motivo per modificare le loro abitudini: qui invece sà tutto di già visto.

Gli esperti di marketing parlerebbero di Swiching Cost troppo elevati per gli utenti e l'oramai affermazione di uno standard dominante.

 

Cosa ne sarà di queto +1 sarà solo il tempo a dirlo... per adesso l'ho integrato in questo blog in attesa di vedere cosa ne sà. Voi cosa ne pensate? Lo inserirete nel vostro blog o aspetterete?

Olimpio Romanella

Sono un appassionato di Web Developing con un particolare debole per php. Mi dedico principalmente dello sviluppo back-end ed in particolare programmazione lato server con php, sviluppo di database relazionali MySql e progettazione di CMS di piccole e medie dimensioni.

Mi avvalgo del framework javascript Jquery, utilizzando molti dei suoi plugin e nei dei miei progetti utilizzo spesso il framework MVC Codeigniter.

1 Commenti presenti

avatar Luca

Luca

10 June 2011 ore 09:06

Ciao,
esprimo il mio parere solo in merito ad eventuali (quanto sicure) astuzie tecniche, volte ad incoraggiare il +1 sui siti. E' sicuro che gli utenti ed i web master più accorti sapranno bene come adattare questa nuova funzione social ai loro scopi, ma personalmente non trovo nessuna differenza rispetto ad astuzie tecniche utilizzate nel SEO tradizionale ( quello che abbiamo conosciuto fino ad oggi - prima del plusone) che allo stesso modo possono falsare i risultati di ricerca.

a presto
Luca Melchiori